Da oggi ho un nuovo idolo, e il suo nome è Rodney Smith

In realtà le sue foto le avevo già viste tempo fa, ma poi non so come me le ero dimenticate.
E anche stavolta, esattamente come la prima volta che le ho viste, è stato amore a prima vista, un colpo di fulmine, uno di quegli amori che durerà per sempre. Con la differenza che stavolta non lo dimenticherò.
Ho passato tutta la mattina a guardare e riguardare le sue foto, e vi giuro che non riesco a smettere.
Sono come ipnotizzata. Stregata dalla sua magia.

I suoi scatti sono poetici e surreali.
Scatta solo su pellicola.
Scatta rigorosamente in bianco e nero.

Il bianco e nero è come una struttura architettonica che rispecchia le fondamenta del nostro essere, del nostro sentire. Potremmo paragonarlo alle travi portanti di un edificio. Evoca l’essenza dell’esperienza vissuta. E questo è un aspetto di fondamentale importanza. Ma c’è di più: sul piano emotivo è, a mio parere, molto più intenso del colore. Non ne sono sicuro, ma credo che tragga la sua forza dalla nostra percettività visiva. Il colore si ferma all’apparenza delle cose. Può essere veramente bello, delicato, meraviglioso a suo modo, ma è totalmente diverso.

Non usa effetti speciali.
Spesso si è ispirato al pittore René Magritte.
Attraverso le sue foto il sottile confine tra reale e surreale scompare.
Ecco come si descrive lui.
Dalla sua biografia

Rodney Smith is a modest man. With eclectic sensibilities. He can wear an Ascot without appearing pretentious. He proclaims himself to be a closet optimist. He believes Modernism took a wrong turn at the wrong time. He thinks Freud saved his life. He graduated Yale. He lives in a wooded enclave in Snedes Landing, just close enough to Manhattan to meet an editor for lunch at a moment’s notice, but far enough away to mollify his disdain for city living. He loves books. Paper. And printed matter. He wrestles with Big Ideas and references Wittgenstein and Plato as if he saw them just yesterday. He’s tweedy. Never needy. Proud. Not loud. He’s a perfectionist. Workaholic. Worry wart and fuss budget. He won’t stop what he what he’s doing until he’s satisfied that it couldn’t be done any better. He’s adamantly analog. Only shoot film. Never uses special effects. And knows the darkroom like the back of his hand. His work it’s outside the time. He creates worlds whose logic is his own. He’s old school with a twist. A landscape photographer. Who places people in landscapes. A realist who puts dreams onto paper. A man who is kind, generous and humorous. Who has a great wife. A lovely daughter. A successful son who’s made Rodney a proud grandfather. A thinking man’s man in a bespoke suit with an eye that sees the world in a way you or I will only see it if it’s in the form of one of his photographs.

Certo avrei potuto tradurre il tutto, ma secondo me la traduzione avrebbe rischiato di cambiare il vero senso delle sue parole. Ho preferito semplicemente riportare per filo e per segno.
Ha pubblicato il suo primo libro fotografico, “In The Land of Light“, nel 1983. Dieci anni dopo ha pubblicato il suo secondo libro: “Il libro Hat“, e nel 2005 il terzo: “Il Libro dei Libri“. Infine, nel 2008 ha festeggiato 40 anni di attività pubblicando il suo quarto volume: “The End“.
Per me è davvero un uomo straodinario. Ma, come al solito, preferisco che siano le sue immagini a stupirvi.

 

Molte domande sulla natura umana trovano risposta nelle foto che costruisco, immagini fuori dal tempo e lontane dal qui e ora.

Advertisements

19 pensieri su “Da oggi ho un nuovo idolo, e il suo nome è Rodney Smith

    • io lo conoscevo ma non so perchè lo avevo rimosso.
      oggi ho rivisto le sue foto e sono andata letteralmente “in botta”!!!! 4 ore per selezionare le foto ahhaha
      sono contenta di avertelo fatto conoscere 🙂

  1. Ti venisse 😉 …ecco che nasce un’altra fissa per un grande della fotografia!!! AHAHAH Seriamente grazie per avermi fatto conoscere ‘sto tipo!
    Ste

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...